Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Conclusione della 18ma Conferenza degli Stati Parte della Convenzione Internazionale sul Commercio Internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione

Data:

28/08/2019


Conclusione della 18ma Conferenza degli Stati Parte della Convenzione Internazionale sul Commercio Internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione

Si e' conclusa la riunione della COP del CITES che ha riunito a Ginevra 2200 partecipanti provenienti da 180 Paesi.

L'adunanza plenaria ha confermato le decisioni assunte nei comitati scientifici e nei diversi working groups. Fra le decisioni piu' significative prese sono di particolare rilievo quelle riguardanti la previsione della tutela attribuita a diverse specie marine (in particolare squali e razze), sono stati confermati gli alti livelli di tutela gia' previsti per gli elefanti e i rinoceronti e si e' raggiunto un accordo per la tutela delle giraffe, la cui popolazione e' in sofferenza in alcuni Stati. Sono state altresi' assoggettate alla disciplina CITES alcune specie di anfibi e rettili diffusi anche nel nostro territorio nazionale. Fra le questioni che coinvolgono maggiormente l'Italia e’ stato sottolineato l'interesse a non ridurre i livelli di tutela delle specie bandiera e a porre un maggior accento sugli aspetti normativi. E' stata disciplinata inoltre la regolamentazione dell'uso del Palissandro, escudendo dalle limitazioni il commercio di strumenti musicali (di particolare interesse per il manifatturiero italiani del settore). Sono state altresi' assoggettate alla disciplina CITES alcune specie di anfibi e rettili presenti in Italia.

Infine, sono state perfezionate le procedure per la gestione degli esemplari confiscati (sia animali che piante) e adottate linee guida sui compiti delle Autorita' di Gestione, in particolare sulla verifica della legale acquisizione degli esemplari in commercio.

 

 


739