Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell’Italia alla 71esima sessione del Comitato Esecutivo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Data:

05/10/2020


Intervento dell’Italia alla 71esima sessione del Comitato Esecutivo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado, ha preso parte oggi alla 71esima sessione del Comitato Esecutivo dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, presieduto dall’Alto Commissario, Filippo Grandi.

L'Ambasciatore Cornado ha sottolineato come le grandi sfide che oggi ci troviamo ad affrontare a causa della pandemia di COVID-19, definendole “un'emergenza sanitaria che si è rapidamente trasformata in una grande crisi globale con un enorme impatto socioeconomico, soprattutto sulle popolazioni più vulnerabili”. Egli ha ricordato come "il virus non conosce confini" e ha fatto appello all'aiuto reciproco e alla cooperazione, sottolineando che "il multilateralismo è l'unica soluzione per una risposta globale efficace".

L'Ambasciatore Cornado ha inoltre ricordato che, nonostante fin dall’inizio l'Italia sia stata in prima linea nella lotta contro la pandemia, essa ha continuato a mobilitare risorse finanziarie e ad affrontare le emergenze e i bisogni umanitari, fornendo sostegno, anche finanziario, all'UNHCR. Inoltre, egli ha confermato che l’Italia continuerà a dare attuazione agli impegni assunti in occasione del primo Forum Globale dei Rifugiati, fra cui ha menzionato la ripresa parziale dei programmi di reinsediamento e i corridoi umanitari per il trasferimento in Italia di rifugiati particolarmente vulnerabili. Infine, l’Ambasciatore ha annunciato il lancio della nuova edizione del "Progetto Corridoi Universitari per i Rifugiati" a beneficio di giovani studenti rifugiati del Medio Oriente e dei Paesi africani, che avranno la possibilità di completare o di accedere all'istruzione universitaria in Italia.

Clicca qui per il testo integrale dell'intervento


857