Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

COP26. Ambasciatore Cornado all’OMS: “Italia al lavoro per proteggere ambiente e salute umana”

Data:

02/07/2021


COP26. Ambasciatore Cornado all’OMS: “Italia al lavoro per proteggere ambiente e salute umana”

“La pandemia di COVID-19 sta avendo effetti devastanti, che richiedono un'azione immediata. Al contempo, questa crisi sta evidenziando l'urgenza di porre la lotta ai cambiamenti climatici, la transizione energetica pulita e la tutela dell'ambiente, al centro dei piani di rilancio dei governi nazionali”: cosi il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Amb. Gian Lorenzo Cornado, intervenendo nel contesto di una sessione informativa sui preparativi della COP-26 e sul nesso salute-ambiente, organizzata oggi congiuntamente con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e con la Rappresentanza del Regno Unito presso la Nazioni Unite a Ginevra.

Nell'ambito dell'Unione Europea, ha ricordato l’Ambasciatore, l’Italia sostiene attivamente il “Green Deal” per raggiungere l’obiettivo emissioni zero al 2050, adottando misure per promuovere l'efficienza energetica, realizzare una trasformazione sostenibile della mobilità urbana, riabilitare i territori e costruire infrastrutture verdi. In questo contesto, il nostro Paese è fortemente impegnato a ripristinare spazi urbani sani e vivibili, presupposto essenziale per il benessere delle persone e delle comunità.

“Presenteremo la nostra visione, incentrata sul legame tra salute umana e ambiente sano, in tutti i principali eventi organizzati e presieduti dall'Italia quest'anno”, ha sottolineato Cornado: un anno che ha già visto l’Italia, Presidenza del G20, protagonista a livello internazionale in ambito salute con il “Global Health Summit” ospitato dal Presidente del Consiglio Draghi a Roma, alla vigilia dell’Assemblea Mondiale della Salute.

L’Ambasciatore Cornado ha quindi posto l’accento su una serie di appuntamenti chiave, in cui l’Italia avrà il ruolo di protagonista: la riunione dei ministri dell’ambiente del G20 il 22 luglio e la prima ministeriale congiunta, nella storia del G20, Clima-Energia il 23 luglio, entrambe a Napoli; l’evento “Youth4Climate: driving the ambition” e la pre-COP di Milano, back-to-back dal 28 settembre al 2 ottobre in vista della CoP26 a Glasgow.

“La salute delle nostre comunità e l'integrità del nostro ambiente sono le nostre risorse più importanti” ha affermato l’Ambasciatore. “Vogliamo garantire in particolare ai giovani la possibilità di farsi avanti con le proprie proposte: il futuro della terra appartiene a loro”, ha concluso.


983