Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo con l’Esperto Indipendente sulla protezione contro la violenza e la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, nel corso della 50esima sessione del Consiglio Diritti Umani

Data:

17/06/2022


Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo con l’Esperto Indipendente sulla protezione contro la violenza e la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, nel corso della 50esima sessione del Consiglio Diritti Umani

Il Capo della sezione diritti umani della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Consigliere Daniele Borrelli, è intervenuto oggi nel corso del Dialogo Interattivo con l’Esperto Indipendente sulla protezione contro la violenza e la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere (SOGI), Victor Madrigal-Borloz, nel quadro della 50esima sessione del Consiglio Diritti Umani.

Il Consigliere Borrelli ha ribadito il forte impegno dell’Italia per combattere tutte le forme di discriminazione, in particolare quelle multiple e intersezionali - incluse quelle basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere - e per prevenire ogni forma di violenza contro le persone LGBTIQ+. Egli ha inoltre sottolineato che il pieno godimento dei diritti umani delle persone LGBTIQ+, incluso il loro diritto al più alto livello possibile di salute fisica e mentale, è una priorità dell’azione esterna dell’Italia, anche nell’ambito delle Nazioni Unite e del Consiglio d’Europa.

Come evidenziato nell’intervento italiano, a partire da dicembre 2020 sono stati istituiti in tutta Italia centri dedicati alla prevenzione e alla lotta alla discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere, per fornire sostegno sociale, supporto legale, assistenza sanitaria e psicologica alle vittime. Lo scorso novembre è stato nominato il primo Inviato Speciale dell’Italia per i Diritti Umani delle persone LGBTQI+, il cui mandato include la promozione della depenalizzazione delle relazioni omosessuali a livello internazionale.

In relazione al rapporto tematico presentato dall’Esperto Indipendente, il Consigliere Borrelli ha rimarcato che la lotta alla discriminazione e alla violenza basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere è essenziale per l’effettiva realizzazione dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Sostenibile. Ha altresì valorizzato il contributo fondamentale delle organizzazioni della società civile e dei difensori dei diritti umani al fine di raggiungere questo obiettivo.

L’Italia ha infine accolto con favore il lavoro dell’Esperto Indipendente sulla protezione contro la violenza e la discriminazione basate sull’orientamento sessuale e sull’identità di genere e ha confermato, in qualità di membro del Gruppo di Amici del mandato SOGI, il proprio sostegno al rinnovo del mandato dell’esperto.

Leggi l’intervento integrale.


1131