Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo con la Relatrice Speciale sulla promozione e sulla tutela del diritto alla libertà di opinione e di espressione, nell’ambito della 50ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Data:

24/06/2022


Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo con la Relatrice Speciale sulla promozione e sulla tutela del diritto alla libertà di opinione e di espressione, nell’ambito della 50ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Il Capo della sezione diritti umani della Rappresentanza Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Consigliere Daniele Borrelli, è intervenuto oggi nel corso del Dialogo Interattivo con la Relatrice Speciale sulla promozione e sulla tutela del diritto alla libertà di opinione e di espressione, Irene Khan, nell’ambito della 50ma sessione del Consiglio Diritti Umani.

Il Consigliere Borrelli ha espresso la profonda preoccupazione dell’Italia per l’aumento a livello globale delle minacce e degli attacchi alla libertà dei media e alla sicurezza dei giornalisti, in particolare contro le giornaliste donne (esposte a rischi specifici), nonché per il loro impatto sui diritti umani, la democrazia e la partecipazione alla vita pubblica.

Egli ha riconosciuto che internet e le tecnologie digitali offrono enormi opportunità per promuovere il pieno ed effettivo godimento dei diritti umani da parte di tutti, inclusa la libertà di opinione e di espressione, per rafforzare le istituzioni democratiche e per costruire società inclusive e pacifiche. Ha tuttavia sottolineato che le tecnologie digitali possono essere utilizzate anche come mezzo per diffondere la disinformazione e per colpire i giornalisti e la libertà dei media.

“Come membro della Media Freedom Coalition e della Freedom Online Coalition, l’Italia si impegna a sostenere la libertà e la sicurezza di tutti i giornalisti e operatori dei media, sia online che offline, e a perseguire le violazioni e gli abusi dei loro diritti umani, nonché gli attacchi contro la loro sicurezza”, ha dichiarato il Consigliere Borrelli, confermando che l’Italia continuerà a riservare un’attenzione prioritaria alla tutela della libertà dei media anche nell’ambito di altre Organizzazioni Internazionali, come il Consiglio d’Europa e l’Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

L’Italia ha quindi invitato tutti gli Stati a promuovere l’indipendenza, il pluralismo, la sostenibilità e l’esistenza dei media e a garantire che giornalisti e operatori dei media siano liberi di svolgere il loro prezioso lavoro senza paura e attacchi.

Leggi l’intervento integrale.


1136