Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell’Italia in relazione al Rapporto del Relatore Speciale sulle implicazioni per i diritti umani derivanti dalla gestione e dallo smaltimento ecologicamente corretto delle sostanze e dei rifiuti pericolosi, nell’ambito della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Data:

20/09/2022


Intervento dell’Italia in relazione al Rapporto del Relatore Speciale sulle implicazioni per i diritti umani derivanti dalla gestione e dallo smaltimento ecologicamente corretto delle sostanze e dei rifiuti pericolosi, nell’ambito della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Gian Lorenzo Cornado, è intervenuto oggi nel quadro della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani, a seguito della presentazione del Rapporto relativo alla visita in Italia del Relatore Speciale sulle implicazioni per i diritti umani derivanti dalla gestione e dallo smaltimento ecologicamente corretto di sostanze e rifiuti pericolosi, Marcos A. Orellana, svoltasi dal 30 novembre al 13 dicembre 2021.

Il Rappresentante Permanente ha ribadito il sostegno dell’Italia al lavoro del Consiglio Diritti Umani e del Relatore Speciale, esprimendo il pieno apprezzamento dell’Italia per la proficua collaborazione e per l’esito della visita. Al riguardo, egli ha evidenziato come l’Italia abbia adottato standard fondamentali per la promozione dei diritti umani a livello nazionale e internazionale, confrontandosi con complesse dinamiche economiche, sociali e ambientali, al fine di garantire un ambiente pulito, sano e sostenibile.

“In linea con le raccomandazioni accettate dall’Italia nell’ambito del terzo ciclo della Revisione Periodica Universale (UPR), stiamo realizzando una serie di politiche e di misure volte ad affrontare le sfide ambientali ed economiche, tenendo anche conto della necessità di far fronte all’impatto della pandemia di Covid-19 per una ripresa più inclusiva”, ha sottolineato l’Ambasciatore Cornado.

Il Rappresentante Permanente d’Italia ha ricordato l’adozione del “Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza” che mira a promuovere un approccio ambientale sostenibile. Egli ha inoltre richiamato la presentazione della seconda “Voluntary National Review” da parte dell’Italia per rafforzare l’attuazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e dei suoi Obiettivi, sia a livello centrale che locale.

“Siamo pronti a sostenere l’attuazione delle misure promesse attraverso il continuo impegno e la collaborazione negli anni a venire per dare priorità alla questione delle implicazioni per i diritti umani derivanti da sostanze e rifiuti pericolosi”, ha concluso l’Ambasciatore Cornado.

Leggi l’intervento integrale.


1158