Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo sull’Ucraina, nell’ambito della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Data:

04/10/2022


Intervento dell’Italia in occasione del Dialogo Interattivo sull’Ucraina, nell’ambito della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani

Il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado, è intervenuto oggi nell’ambito del Dialogo Interattivo sull’Ucraina, nel quadro della 51ma sessione del Consiglio Diritti Umani.

"L'Italia ribadisce la sua più ferma condanna di tutte le violazioni del diritto internazionale dei diritti umani e del diritto internazionale umanitario commesse nel contesto della guerra di aggressione della Russia contro l'Ucraina", ha dichiarato l'ambasciatore Cornado, aggiungendo che "l'Italia prova sgomento per il crescente numero di vittime civili in tutta l'Ucraina ed è profondamente preoccupata alla luce delle ultime segnalazioni sulle atrocità perpetrate in parti del Paese recentemente liberate dalle Forze armate ucraine, tra cui la scoperta di fosse comuni nella città di Izyum". Nel ricordare che l'Italia resta impegnata a sostenere tutte le misure per assicurare che i responsabili siano chiamati a rispondere delle loro azioni, il Rappresentante Permanente italiano ha anche sottolineato che "la Russia deve immediatamente porre fine alla sua aggressione, ritirare le sue forze armate, rispettare pienamente i suoi obblighi derivanti dal diritto internazionale e cessare le sue operazioni di filtraggio, le deportazioni forzate di civili ucraini e gli attacchi contro le strutture educative".

L'Ambasciatore Cornado ha inoltre affermato che "le conseguenze globali della guerra della Russia contro l'Ucraina sono parimenti allarmanti e colpiscono in particolare i Paesi più vulnerabili, anche in termini di accesso limitato al cibo" e che "l'Italia sta contribuendo attivamente alle iniziative volte a mitigare gli effetti della crisi alimentare, anche in collaborazione con le Agenzie delle Nazioni Unite con sede a Roma, in ambito Unione Europea e in cooperazione con i partner del G7".

Nel ribadire la piena solidarietà dell'Italia nei confronti del popolo ucraino e il pieno sostegno alla sovranità, all'integrità territoriale e all'indipendenza dell'Ucraina, l'Ambasciatore Cornado ha rimarcato che "l'Italia condanna con la massima fermezza il tentativo di annessione, illegale e inaccettabile, da parte della Russia delle quattro regioni ucraine di Donetsk, Kherson, Luhansk e Zaporizhzhia".

Leggi l’intervento integrale.


1162