Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Intervento dell'Ambasciatore Cornado alla Sessione Plenaria della MC12 dell'OMC dedicata alle sfide del Commercio Globale

Data:

12/06/2022


Intervento dell'Ambasciatore Cornado alla Sessione Plenaria della MC12 dell'OMC dedicata alle sfide del Commercio Globale

E’ iniziata oggi a Ginevra la 12ma Conferenza Ministeriale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (MC12), originariamente programmata in Kazakhstan nel giugno 2020 e più volte rinviata a causa della pandemia.

La MC12 è presieduta dal Vice Capo di Gabinetto del Presidente del Kazakhstan, Timur Suleimenov, e si concluderà il 15 giugno, offrendo ai Ministri di tutto il mondo l’opportunità di discutere su presente e futuro del sistema commerciale multilaterale. La Conferenza tratterà, infatti, il ruolo dell’OMC nell’attuale e future crisi sanitarie, che includa anche alcuni aspetti relativi alla Proprietà Intellettuale. Altri temi riguardano la crisi alimentare innescata dal conflitto in Ucraina, la proibizione di alcuni sussidi che contribuiscono a sovracapacità e sovra pesca al fine di proteggere la sostenibilità degli oceani e delle risorse ittiche e l’estensione della moratoria dei dazi sulle trasmissioni elettroniche del commercio.

L’Ambasciatore Gian Lorenzo Cornado è intervenuto nella Sessione Plenaria dedicata alle sfide del Commercio Globale, ricordando la necessità di riformare ed aggiornare le funzioni normative, di monitoraggio e di risoluzione delle controversie dell’OMC per adattarle ad un sistema commerciale internazionale in continua evoluzione. “Riforme di ampio respiro si rendono necessarie per ripristinare e rilanciare l'organizzazione come pilastro chiave della governance globale del commercio e come strumento più efficace per la crescita e la prosperità inclusive e lo sviluppo sostenibile”, egli ha dichiarato.

In un contesto fortemente condizionato dall’aggressione russa dell’Ucraina, L’Ambasciatore Cornado ha poi indicato che le attuali criticità in termini di sicurezza alimentare, energia e prezzi delle materie prime non sono dovute alle sanzioni ma costituiscono esclusiva responsabilità dell’illegale e non provocata invasione condotta da Mosca.

Il testo integrale dell'intervento qui


1127