Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

L’Italia assume la Presidenza del Support Group di UNDRR per l’anno 2023-2024 (Ginevra 27 giugno 2023)

Fzoy2XpXoAQHnD6

L’Italia, nella persona del Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite e le altre Organizzazioni Internazionali a Ginevra, Ambasciatore Vincenzo Grassi, ha raccolto dall’Indonesia il testimone della Presidenza del Support Group dell’ufficio ONU per la Riduzione dei Rischi di Disastri (UNDRR).

Il Support Group, aperto a tutti i Paesi membri, è composto dai 10 maggiori donatori di UNDRR e ha lo scopo di rafforzare il mandato di UNDRR (punto di riferimento nel sistema onusiano per la riduzione dei rischi di disastri).

La sede di UNDRR è a Ginevra, ma ha una presenza globale con i suoi cinque uffici regionali tramite i quali costruisce e coltiva le relazioni con i governi nazionali e locali, le organizzazioni intergovernative, la società civile e il settore privato.

Durante la terza Conferenza Mondiale sulla riduzione dei rischi di disastri, tenutasi a Sendai nel 2015, è stato adottato il Sendai Framework, un documento internazionale che fornisce un quadro completo sulla prevenzione e riduzione dei rischi di disastri posti da pericoli naturali e causati dall’uomo.

Tale Framework viene attuato in sinergia con gli altri strumenti dell’Agenda 2030, tra cui l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, l’agenda d’azione di Addis Abeba sul finanziamento dello sviluppo e i gli obiettivi di sviluppo sostenibile (Sustainable Development Goals).

Durante l’incontro odierno del Support Group, l’Ambasciatore Grassi ha ringraziato Mami Mizutori, Rappresentante Speciale del Segretario Generale ONU per la riduzione dei rischi di disastri, insieme con Paola Albrito, direttrice della sede ginevrina, ed ha ribadito l’impegno dell’Italia nel sostenere le priorità di UNDRR, ricordando l’importante ruolo della Cooperazione italiana nelle attività di riduzione dei rischi di disastri (con la creazione di situation rooms in vari Paesi africani che raccolgono e analizzano dati sulla riduzione dei rischi di disastri), nonché la riconosciuta expertise della Protezione civile nella gestione di disastri naturali e causati dall’uomo.