Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Tutela delle Indicazioni Geografiche. Italia protagonista all’assemblea biennale di “oriGIn”.

OriGIn

Con la partecipazione del sistema Italia all’assemblea biennale 2023 dell’Organizzazione “oriGIn” e alla contestuale Conferenza internazionale sulle Indicazioni Geografiche (II.GG.), il nostro Paese conferma il suo ruolo di protagonista nella promozione e tutela delle denominazioni di origine anche in sede multilaterale.

Qualificata ed articolata è risultata infatti la partecipazione italiana all’evento ginevrino che, oltre alla presenza di funzionari diplomatici della Rappresentanza Permanente presso le Organizzazioni Internazionali in Ginevra, ha visto gli interventi dell’Europarlamentare On. Paolo De Castro, nonché del Presidente di “oriGIn” Riccardo Deserti, confermato nella sua carica nel corso dell’assemblea statutaria, e del Managing Director dell’organizzazione Massimo Vittori.

In particolare, il Presidente Deserti ha sottolineato come “proteggere ovunque le II.GG. significhi difendere un bene pubblico, perché i prodotti II.GG. trasferiscono benefici all’intera filiera dei vari territori”, mentre l’On. De Castro ha inteso rimarcare la primaria rilevanza delle II.GG., “punta di diamante della produzione agricola europea”.

Al contempo, un ruolo da protagonista è stato svolto anche dai sei noti consorzi italiani presenti a Ginevra: Parmigiano Reggiano, Grana Padano, Consorzio Nazionale Grappa, Consorzio Tutela Aceto balsamico di Modena, Consorzio Tutela Prosecco DOC e Istituto Salami Italiani Tutelati).

 

“oriGIn” è un’alleanza mondiale che ricomprende 40 Paesi, tra i quali l’Italia, rappresentativa di circa 600 associazioni di produttori in molteplici settori, non solo agricoli, con l’obiettivo di promuovere la protezione legale e l’applicazione delle Identificazioni Geografiche a livello nazionale, regionale ed internazionale come strumento di sviluppo sostenibile per i produttori e le comunità locali.

L’Italia è attiva in sede OMPI (Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale) nel quadro di una coalizione di Paesi membri di tutte le aree geografiche per il rafforzamento del sistema di Lisbona a tutela delle indicazioni di origine come elemento di promozione economica dei territori.

 

Link utili: comunicato oriGIn