Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

OIL. Il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali Marina Calderone alla 112esima Conferenza internazionale del Lavoro a Ginevra

Ministro-Calderone-ILO-360

“Le transizioni in corso digitale e green impongono di investire sempre di più su persone e competenze. Ciò significa rafforzare il nostro impegno e i nostri investimenti in sistemi formativi in grado di fornire ai lavoratori livelli adeguati di competenze in tutti i settori lungo tutto l’arco della vita”. Questo quanto ha dichiarato il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone, intervenendo nel pomeriggio nella sede Onu a Ginevra all’Assemblea plenaria dell’OIL, Organizzazione internazionale del Lavoro. “Adeguare i sistemi formativi – ha aggiunto – significa anche renderli più inclusivi, fruibili, accessibili e modulabili rispetto alle esigenze di tutti. Ciò è indispensabile per realizzare l’inclusione sociale e lavorativa delle persone, partendo dai gruppi più vulnerabili per i quali dobbiamo rimuovere ostacoli e barriere alla piena realizzazione nel mondo del lavoro”.

Un altro passaggio dell’intervento ha riguardato la sfida del cambiamento demografico. “Che avrà impatti crescenti – ha detto il Ministro Calderone – sulle nostre società, economie e sui sistemi di welfare. Sfide di fronte alle quali assume un valore particolare la Coalizione globale per la giustizia sociale, promossa dal direttore generale OIL, Gilbert Houngbo, alla quale l’Italia conferma il suo sostegno”.

Il Ministro Calderone ha poi ricordato i pilastri del G7 Lavoro presieduto dall’Italia: intelligenza artificiale, competenze e invecchiamento attivo.

 

Sito del Ministero del Lavoro